Laboratori Biogas

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter

Per avere maggiori informazioni su questi laboratori clicca qui

L’autogestione biologica dei laboratori biogas

Gli strumenti e gli investimenti necessari per il monitoraggio preventivo dei laboratori biogas: come dotarsi di un mini-laboratorio per prove in piccola scala.

Gestire in modo ottimale i laboratori biogas vuol dire diventare “allevatore di batteri”.

Al pari degli animali d’allevamento, i batteri rendono il massimo se vengono mantenuti in condizioni per loro ottimali, per cui risulta fondamentale monitorare i diversi aspetti che incidono sul funzionamento dell’intero sistema anaerobico. È noto a tutti che i diversi costruttori e alcuni laboratori biogas indipendenti, offrono il servizio di assistenza biologica.
Tipicamente tutti questi servizi hanno un punto debole: i risultati non vengono forniti in tempo reale. Inoltre, le analisi fornite, in genere riguardano solo la dinamica del processo di degradazione anaerobica, ma non la verifica della qualità della biomassa – insilati o sottoprodotti che siano – con la quale viene alimentato l’impianto.

Qualche gestore d’impianto si è dotato di semplici strumenti quali il pHmetro o il titolatore automatico (chiamato FOS/TAC nel gergo) e i risultati molte volte si dimostrano deludenti e, in qualche caso, perfino disastrosi.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stay Connected

More Updates