Quando OMIP denocciola non rimane noccioli

Share on facebook
Facebook
Share on linkedin
LinkedIn
Share on twitter
Twitter

Nuova denocciolatrice per ciliegie e amarene

Una nuova denocciolatrice / punzonatrice per ciliegie, destinata a tutte le aziende di lavorazione della ciliegia in tutto il mondo, è in grado di offrire il massimo vantaggio economico riducendo: il numero di personale specializzato necessario per le operazioni di lavorazione e manutenzione; cosi come le spese per i pezzi di ricambio.

Stiamo parlando della Denocciolatrice per Ciliege Mod. KC-196, progettato e prodotto dalla società italiana OMIP. Questa macchina è adatta per la rimozione di nocciole in amarene grazie a una serie di punzonatrici. I movimenti del nastro trasportatore nonché le testate di denocciolatura e supporto sono azionati mediante motori Brushless, controllati da un PLC che li mantiene perfettamente sincronizzati.

“Questo tipo di movimento consente di far funzionare la macchina facendola compiere un doppio movimento alla volta, per un’operazione standard, o consentendo alla cinghia di compiere un movimento in avanti alla volta, e quindi denocciolare e / o ridenocciolare lo stesso frutto. Quest’ultimo è utile per ridurre al minimo la percentuale di residui di noccioli nel frutto”, spiega Francesco Pannullo, uno dei direttori di OMIP.

La macchina è dotata di un pannello touchscreen che consente di: variare la velocità di produzione desiderata selezionando la prima, la seconda o la terza velocità; variare la velocità di punzonatura con una corsa discendente rapida o lenta; variare il passo del nastro trasportatore, se è doppia (standard) o singola (per ridonocciolare il frutto); gestire la sincronizzazione di fase di tutti i movimenti; vedere i messaggi di errore, inclusi quelli storici e quelli attuali.

Realizzato in conformità con la Direttiva macchine 89/392 / CEE, il telaio della macchina è costruito interamente in acciaio inossidabile, il che la rende straordinariamente robusta e altamente resistente alla ruggine.

“Il telaio è stato stabilizzato dopo la saldatura e successivamente affinato su macchine a controllo numerico. Tutti i componenti della macchina sono intercambiabili – conclude il sig. Pannullo – Le parti a contatto con la frutta sono tutte realizzate con materiali per uso alimentare (plastica, alluminio e acciaio inossidabile)”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Stay Connected

More Updates